Oasis Standard

ISO/IEC 26300

Language

L'approvazione nel 2006 dell'OASIS Open Document Format (ODF) da parte dell'ISO rappresenta la maturazione del settore informatico. Prima della creazione di ODF non è mai esistito un metodo standard per il salvataggio e lo scambio dei documenti da ufficio; al contrario lo scambio di documenti richiedeva che tutti gli interessati avessero la stessa versione dello stesso programma, e il recupero di vecchi documenti era una questione di fortuna e rapidità più che di altri fattori.

Molti produttori di software creano programmi in grado di leggere e salvare i file ODF, e contemporaneamente molte organizzazioni stanno lavorando per adattarsi al nuovo formato standard. Tra coloro che hanno adottato ODF vi sono governi nazionali e locali in tutto il mondo, come il Comune di Bristol e il governo belga, e società diverse tra loro come Banco de Brasil, Oxford Archaeology e De Bortoli Wines. La ODF Alliance fornisce maggiori informazioni su ODF, e una lista di tutte le organizzazioni governative che hanno scelto ODF è consultabile su questa pagina di Wikipedia.

Tra i programmi che permettono di usare ODF al pieno delle sue possibilità ricordiamo OpenOffice.org, Google Docs e Spreadsheets, IBM Workplace, Lotus Symphony e Sun's StarOffice. Una lista completa e in continua crescita di software che supporta ODF è mantenuta dalla Open Document Fellowship.

Gli utenti di Microsoft Office, che attualmente non supporta ISO 26300, possono usare il plugin ODF per Microsoft Office (non compatibile con Microsoft Office 2007) messo a disposizione da Sun Microsystems.

Microsoft si è impegnata a supportare l'ODF nel prossimo service pack di Microsoft Office 2007. Questo è previsto per la 2009.